Arredare casa con la tecnologia

Una casa ultra lineare, super ordinata, attentamente organizzata e confortevole, è questa l’abitazione disegnata dallo stile High Technology, meglio conosciuto come stile hi-tech. Per intenderci quello che arreda l’abitare con la tecnologia.

Quella in oggetto è una dimora tremendamente efficiente, una casa all’avanguardia dotata di elementi tecnologici e innovativi, che assicurano a chi la vive comfort, praticità, funzionalità e benessere. Un vero e proprio sogno che diventa realtà con l’ausilio della tecnologia, la quale sovente riduce ingombri superflui. Non a caso proprio lo stile hi-tech si adatta alla perfezione a piccole abitazioni, bilocali e monolocali.

Ogni spazio si presenta allo sguardo di chi lo osserva come un ambiente minimalista, in cui al piacere estetico viene accostata la funzionalità di ogni angolo della casa.

Componenti tecnologiche

Ma quali sono i componenti tecnologiche che danno forma a un’abitazione in stile hi-tech?


Tra i più importanti c’è sicuramente il sistema domotico inerente la gestione della sicurezza, mentre tra gli immancabili troviamo senza ombra di dubbio la televisione, ovviamente non stiamo parlando della classica TV, bensì di un oggetto di design prezioso, per un complemento d’arredo in perfetta armonia con il tutto compositivo.

In una casa pensata come un sistema all’avanguardia, tutto deve essere a misura di tecnologia, dall’impianto elettrico fino ad arrivare agli elettrodomestici. Nulla è lasciato al caso. Ogni elemento nei fatti assicura la massima funzionalità, il comfort più alto e la più elevata efficienza energetica. Detto altrimenti: l’abitazione deve essere dotata di un impianto domotico che ha il compito di controllare ogni dispositivo elettronico e di comandarlo a distanza. Naturalmente, il tutto è in perfetta consonanza con uno dei dettami di questo stile: l’ordine, tutte le prese, tutti i fili sono, di fatto, nascosti da canaline.

Hi-tech e stile industrial

Un’abitazione in stile hi-tech è uno spazio in perfetto stile futuristico, che si ispira essenzialmente allo stile industrial, dove a regnare è la contemporaneità. Arredi confortevoli, linearità e angoli, illuminazione LED sia nascosta che scenica, progresso e innovazione sono gli ingredienti principali che danno vita a una casa ben definita in cui regna un perfetto ordine geometrico e un’efficienza ineguagliabile.

A dominare sono materiali come l’acciaio, impiegato in diversi ambienti domestici e molto amato perché in grado di trasmettere senso igenico e ordine. In acciaio sono gli elettrodomestici, le cornici, il piano cottura, le maniglie, gli scheletri delle sedie e dei tavoli.

Non solo acciaio, la casa hi-tech per i suoi pavimenti impiega altresì materiali come il cemento il pvc e i materiali vinilici. Non finisce qui, perché l’hi-tch spalanca le porte soprattutto a materiali innovativi come i solid surface. Tra i più quotati ci sono:


il corian, un materiale performante, resistente e altamente igenico, che può essere utilizzato per rivestire superfici orizzontali e verticali, per lavabi, per illuminazione e per complementi d’arredo;
il silestone, superfici di quarzo molto resistenti.


Si tratta di materiali totalmente riciclabili, ecosostenibili, molto resistenti, quindi durevoli, nonché antigraffio.

Tutte le nuance che fanno da sfondo alla casa tecnologica

Anche una casa tecnologica ha le sue nuance. Quelli che caratterizzano questo stile sono i colori neutri.
Oltre al profondo nero, le gradazioni più utilizzate sono le scale del sabbia, quelle del grigio e del bianco. Quest’ultimo deve essere possibilmente in versione lucido e laccato.
Permesse piccole trasgressioni di colore. Tra i prediletti, il rosa, il ciclamino, il fucsia e il rosso, altresì concessi accenni di blue, di giallo e di verde.

Un’abitazione domotica

Per da corpo a un’abitazione domotica è necessario dotarsi di una serie di accessori smart comandabili da una’apposita app scaricata sui telefoni cellulari, oppure guidati da comandi vocali.

Sembra un film di fantascienza, invece, è solo la casa del futuro.

Dotando la casa di strumenti smart, infatti, è possibile connetterla e darle comandi rimanendo comodamente seduti davanti a buon libro o alla TV o, ancora, agendo da remoto. Il tutto con l’ausilio di telecomandi preposti o con l’aiuto del proprio smartphone.

Grazie a questi dispositivi sarà possibile avviare la lavastoviglie, accendere la lavatrice, configurare l’irrigazione del proprio giardino, così come la temperatura dell’impianto di riscaldamento. Inoltre, si potrà tenere d’occhio la propria dimora, gestire l’impianto di illuminazione esterna e interna della casa e molto altro ancora.

Tutti i no dello stile tecnologico

Come tutti gli stili anche quello tecnologico ha i suoi no. Ecco dunque, che per rispettarne alla perfezione gli assiomi dell’hi-tech si deve evitare di compiere tutta una serie di falli, che ne possono rovinare il risultato estetico finale.

L’high technology di fatto odia l’utilizzo della carta da parati con disegni floreali, naturalistici e/o artistici. Tutti motivi decorativi che fanno a pugni con la sobrietà e la pulizia visiva che lo caratterizza.

Ancora, le pareti non amano neanche i colori caldi come l’arancione, il giallo e il rosso.

I diversi ambienti domestici bandiscono altresì l’uso delle stufe e quello dei cammini, mentre ben apprezzano quello degli impianti di riscaldamento che impiegano circuiti di areazione e bocchettoni.

Infine, sono da evitare ad ogni costo arredi in stile classico e mobili con rifiniture barocche.

Add Comment