Carta da parati

Negli ultimi anni la carta da parati è tornata di moda, soprattutto perché permette di arredare con gusto ogni ambiente aggiungendo note di eleganza. Ecco tutto quello che c’è da sapere sull’argomento e come scegliere la carta da parati giusta in base alle specifiche esigenze.

Cos’è la carta da parati?

Trattasi di un rivestimento decorativo da applicare sui muri seguendo una precisa tecnica. Oggi esistono carte da parati per soddisfare ogni necessità in fatto di gusto e stile. Oltre a quelle stampate in maniera tradizionale a cilindro, si trovano anche i pannelli ottenuti tramite stampa digitale.

Le carte tradizionali presentano decori in sequenza che si ripetono, talvolta anche motivi in rilievo che cambiano a seconda dall’angolazione in cui vengono guardati. Le carte stampate digitalmente, invece, si sviluppano su grandi dimensioni e i singoli pannelli si devono assemblare opportunamente per ottenere il disegno completo.

Queste carte si possono realizzare in base alle richieste dei clienti e consentono dunque ampia personalizzazione.

Meglio la carta da parati o imbiancare la parete?

In fase di ristrutturazione spesso è difficile scegliere i materiali da usare e possono sorgere dubbi sull’alternativa carta da parati e pittura. Sicuramente grazie alla carta da parati sarà facile decorare qualsiasi stanza, anche perché i rotoli sono realizzati con materiali, fantasie, colori e texture varie. Usando la carta da parati, che si trasforma in un elemento d’arredo, inoltre si possono anche camuffare imperfezioni dell’intonaco e della muratura, specialmente quando si scelgono motivi a rilievo.
La moderna carta da parati offre anche elevata resistenza, rivelandosi una soluzione igienica, spesso lavabile e che in ogni caso non richiede interventi continui di ripristino.
La pittura di contro è un’opzione più economica rispetto alla carta, salvo che non vengano scelti colori dalle proprietà particolari o si debbano realizzare affreschi a mano.
La tinteggiatura richiede tempi di realizzazione anche più veloci, visto che la carta implica una posa in opera accurata per evitare bolle d’aria. Occorre anche considerare che la rimozione della carta è complicata, sebbene in alcuni casi esista la possibilità di utilizzarla come base per applicare uno nuovo strato. Quando in casa sono presenti problemi legati all’umidità o alla muffa è sempre preferibile scegliere la pittura che permette anche un pronto riscontro visivo per contrastare l’insorgere di ulteriori complicazioni.

Quali tipi di carta da parati esistono?

Si comincia dalle carte tradizionali realizzate in cellulosa, assai diffuse e apprezzate specialmente per la durevolezza, oltre che per sostenibilità, essendo ricavate dalla lavorazione del legno.
Molto utilizzate sono anche le carte in TNT, materiale definito come “tessuto non tessuto”, al tatto molto piacevole perché rappresenta un mix di fibre tessili naturali come il cotone, seta, iuta ecc e di quelle sintetiche. Queste carte sono traspiranti, lavabili, facili da posare e da rimuovere.
Esistono anche carte viniliche, con uno strato di TNT, quindi lavabili e che non si deformano con il tempo, rivelandosi così adatte per decorare anche ambienti soggetti ad umidità come il bagno e la lavanderia.
Non mancano, infine, le carte da parati tridimensionali che garantiscono effetti scenografici sorprendenti. Queste moderne carte sono ottenute grazie a particolari lavorazioni e stampe su vinile.

Quale risultato vuoi ottenere con la carta da parati?

Tutto dipende dai propri gusti ma è bene considerare che anche in spazi molto ristretti la carta consente di decorare in modo originale ed elegante. Occorre anche sapere che esistono carte in grado di replicare l’effetto dei mattoni a vista, della pietra, del legno, di lastre metallizzate e moltissimi altri materiali. In alternativa si può spaziare fra i murales che raffigurano straordinari paesaggi, monumenti , spiagge esotiche e altre suggestive ambientazioni.

Come applicare la carta da parati?

La messa in posa deve essere eseguita in maniera accurata per evitare imprecisioni antiestetiche. Coloro, quindi, che non hanno una buona manualità dovranno richiedere il supporto di professionisti del settore che si occuperanno di preparare le pareti, in modo da togliere tutte le imperfezioni.
In seguito si passa al taglio della carta e all’uso di speciali collanti per assicurare aderenza sul muro. La colla deve essere stesa in modo omogeneo evitando la formazione di grumi. Lo step successivo richiede l’uso di una spatola per stendere la carta e togliere le bolle.
Alla fine si rifilano i bordi e le parti in eccedenza con un taglierino affilato.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi della carta da parati?

La carta da parati rappresenta la scelta migliore per modificare il design e l’aspetto di ogni stanza, nonché una buona soluzione per nascondere imperfezioni e macchie presenti sulle pareti. In base alla tipologia di carta si potrà contare anche sulla massima resistenza e occorre considerare che molte tipologie sono traspiranti e lavabili.
Una carta di scadente potrebbe strapparsi o scolorire, per questo è sempre meglio puntare su prodotti di qualità. La rimozione, salvo che si tratti di carte in TNT, potrebbe rivelarsi piuttosto complicata. La posa in opera spesso richiede l’intervento di professionisti che sapranno anche come trattare i muri quando presentano tracce di umidità. Infine alcune carte, come quelle dipinte a mano o di design, presentano costi non sempre molto accessibili.

Migliori 10 carta da parati

Prodotto Sponsorizzato.  2021-02-24

Cosa guardare prima dell’acquisto

Applicare la carta da parati

Quanti rotoli comprare

Naturalmente tutto dipende dall’estensione dell’area che di desidera rivestire, considerando che comunque la carta da parati può essere usata anche per decorare solo piccole porzioni, come ad esempio nicchie, colonne e travi. La misura standard dei rotoli è pari a 0,53 x 10,5 metri, dimensione che permette di evitare sprechi e di coprire un’area pari a 5 metri quadrati.

Rapporto

Prendendo come base di partenza la misura standard dei rotoli ecco alcune indicazioni per sapere quanti rotoli acquistare. Ad esempio, in caso di stanza larghe 10 metri e alte 2,25 metri possono bastare 5 rotoli, che diventano 7 quando la stanza è larga 15 metri.

Quanta carta serve per stanze larghe 10 metri e con soffitti da 2,75 metri? In questo caso occorre comprare 6 rotoli, aggiungendo altri 3 per ogni metro di larghezza in più. Nella maggior parte dei casi è sempre buona regola acquistare comunque un rotolo di scorta perché potrebbero verificarsi inevitabili sprechi per i motivi di cui appresso.

Applicazione

In fase di applicazione è importante valutare possibili sprechi dovuti proprio alla tipologia di carta prescelta. Esistono infatti carte con motivi sfalsati, questo vuol dire che il primo rotolo sarà posato senza problemi, mentre il secondo deve essere adattato, quindi verrà incollato più alto o basso rispetto al foglio iniziale. Le carte con sfondi a tinta unita o a righe, invece, non hanno margini e quindi si posano più facilmente e senza sprechi.

Parete

In fase di posa in opera è bene valutare anche possibili fuori squadra delle pareti ed eliminare residui di murature e intonaci che possono generare rilievi e bolle d’aria. Quando la carta da parati ha un margine dritto, quindi l’inizio del disegno contrassegnato, è sempre bene lasciare 5 centimetri di bordo in eccesso, per eseguire al meglio le rifiniture ed eventuali correzioni.

Un buon sistema per applicare la carta da parati che presenta motivi continui consiste nel posizionare il disegno alla stessa altezza, facendo sempre attenzione dall’andamento complessivo estetico, per evitare cambiamenti poco gradevoli alla vista. Durante il taglio sarà anche possibile usare un singolo foglio come modello, così da fissare la lunghezza senza commettere errori.

Design

La nuova carta da parati è anche pensata per rendere esclusivi gli ambienti e a questo riguardo esistono rotoli di design che seguono le ultime tendenze e si prestano anche per arredare in maniera elegante. La varietà dei materiali e dei motivi disponibili consentirà di realizzare case uniche, originali e dalla grande personalità.

A questo riguardo si segnalano le carte di design damascate, floreali, geometriche, glamours, vintage, specifiche per bambini e con fantasie romantiche. Molto in voga sono le carte di design vellutate, in pelle, impreziosite da perline così come quelle naturali realizzate in bambù, canapa, sughero o fogliame. Queste carte di design, spesso firmate da noti artisti che operano anche nel settore della moda, in base alla consistenza naturale e al processo di laminazione, creano pareti dal grande impatto visivo.

Conclusioni

La carta da parati riesce a realizzare ambienti accoglienti, caldi e armoniosi, a patto di non trascurare le proporzioni. Molti ritengono erroneamente di scegliere motivi piccoli per stanze ristrette. Questa soluzione farà apparire la camera ancora più angusta. In queste situazioni, quindi, proprio per dare maggiore respiro all’ambiente, è bene puntare su un tema con decori grandi. Così facendo lo sguardo sarà attratto dall’ampiezza dei disegni e presterà meno attenzione alla reale metratura della camera.

Torna su