Le migliori fresatrici

Prodotto Sponsorizzato.  2021-02-24

La fresatrice è uno strumento che viene usato per eseguire intagli, fori o scanalature nel legno e nel metallo, ed ha un funzionamento molto simile al classico trapano.

fresatrice-la-migliore
La fresatrice è un piccolo motore, che attraverso un moto rotatorio e degli spigoli taglienti asporta in modo uniforme dei trucioli dalla superficie lignea o metallica.
A seconda del lavoro da eseguire esistono diverse tipologie di fresatrici: orizzontali, verticali e universali.
La fresatrice orizzontale è un modello di fresa da banco, che viene utilizzata per effettuare principalmente scanalature e fessure, o per la lavorazione di cornici e porte, uno strumento utile per realizzare lavori essenzialmente non troppo precisi e definiti.
La fresatrice viene definita orizzontale quando l’asse di rotazione dello strumento è collocato orizzontalmente rispetto al punto di appoggio; è costituita da una base sul quale viene applicato un montante che regge la testa motrice, le slitte per gli spostamenti del pezzo ed i meccanismi di trasmissione.
Le fresatrici orizzontali sono molto più pesanti ed ingombranti rispetto alle fresatrici verticali, ma sono la soluzione più indicata per lavorare superfici molto ampie.
Le fresatrici verticali sono dei modelli compatti e maneggevoli, usate principalmente per lavori di precisione e di incastro.
La fresatrice verticale è composta da un corpo motore di forma cilindrica, e da due impugnature laterali; è uno strumento di precisione definito “a tuffo”, poiché manualmente è possibile regolare la distanza tra lo strumento ed il piano di lavoro.
Le fresatrici universali, sono simili alla struttura delle fresatrici orizzontali, ma grazie alla presenza di una piastra girevole intorno ad un asse verticale e ad un apparecchio divisore, è possibile eseguire lavorazioni precise su materiali differenti.
Vi sono anche delle fresatrici speciali che vengono usate per determinate lavorazioni: fresatrici automatiche, piallatrici e fresatrici a copiare.
La lavorazione della superficie attraverso l’utilizzo di una fresatrice avviene in due fasi: la fase di sgrossatura, per una rimozione grossolana e la fase di finitura per definire la scanalatura o l’incisione.

Durante queste fasi di lavorazione, è importante considerare l’incidenza e la velocità del taglio ed il relativo avanzamento del pezzo lavorato.
Sulle fresatrici vengono montate particolari utensili denominati frese, hanno la forma di un solido di rivoluzione con dei denti taglienti per perforare il metallo o il legno.
Le frese, a seconda dell’asse di rotazione possono svolgere due tipi di azione: frontale o periferica.

L’azione frontale, viene svolta quando l’asse di rotazione è perpendicolare per una lavorazione rapida che asporta una quantità elevata di trucioli, mentre l’azione periferica viene eseguita quando l’asse di rotazione è in posizione parallela e vengono usate per spianare le superfici.

 

Torna su