Tagliapiastrelle

Tagliapiastrelle

Bestseller No. 1
Vigor 6050510 Tagliapiastrelle
7 Reviews
Vigor 6050510 Tagliapiastrelle
  • Articolo VTPM-30
  • Millimetri: 300x300
  • Massimo spessore taglio millimetri: 12
Bestseller No. 2
Bosch 0603664000 Livella Laser per Piastrelle PLT 2, Nero/Verde
5 Reviews
Bosch 0603664000 Livella Laser per Piastrelle PLT 2, Nero/Verde
  • Proiezione di due raggi visibili fino a 7 metri
  • Angolazione a 90°
  • 3 bolle integrate per allineamenti verticali, orizzontali o in diagonale
  • Diodo laser da 635 nm, classe 2
  • In dotazione adattatore per parete con piastra magnetica, 3 batterie AA da 1,5 V
Bestseller No. 3
Viwanda - Coltello a Lama Retrattile Giallo ViCUT Heavy Duty Cutter di 25mm, con Duo-Lock e 2 Lama in Acciaio SK2+Cr in pi di spessore, con supporto lama di ricambio
2 Reviews
Viwanda - Coltello a Lama Retrattile Giallo ViCUT Heavy Duty Cutter di 25mm, con Duo-Lock e 2 Lama in Acciaio SK2+Cr in pi di spessore, con supporto lama di ricambio
  • Coltello a lama ritrattabile professionale per il taglio di legno compensato, PVC, filo elettrico, ecc.
  • Blocco Doppio: Chiusura automatica e Chiusura a Vite, in grado di sopportare pressioni fino a 50 kg
  • Manico resistente alla acetone: comodo da usare comfortable e alta resistenza all'usura e alla corrosione da solventi organici
  • Fornito con due lame in acciaio giapponese di 0,9 millimetri, per le applicazioni pi esigenti
  • Lame di ricambio possono essere acquistati separatamente (ASIN: B0188YN9CU)

Una guida per conoscere le principali caratteristiche che un buon tagliapiastrelle deve avere può essere utile sia al muratore sia a chi decide di rinnovare da solo il pavimento di casa propria. Entrambi infatti si troveranno inevitabilmente a dover tagliare a misura le mattonelle lungo il perimetro del muro.

Tagliapiastrelle-migliore

Le pianelle che vengono proposte oggi sul mercato sono realizzate con una vasta gamma di materiali e conoscere le caratteristiche di ogni modello di tagliapiastrelle vi aiuterà a scegliere quello più adatto per dimensioni e potenza. Innanzitutto occorre precisare che il tagliapiastrelle può essere di tipo manuale oppure elettrico. I modelli manuali a loro volta si suddividono in macchine a tirare oppure a spinta.

Occorre precisare che la tagliapiastrelle a spinta consente di esercitare una maggiore forza durante l’operazione di taglio, oltre ad evitare in caso di uso prolungato fastidiose infiammazioni al polso. Se le piastrelle da tagliare sono realizzate in ceramica o gres ed hanno uno spessore inferiore a 5 cm. e dimensioni non troppo grandi potrebbe essere sufficiente una taglierina manuale composta da una base di appoggio su cui collocare la piastrella precedentemente disegnata nel tratto di taglio, e un attrezzo che una volta abbassato inciderà la mattonella permettendovi poi di dividerla con una leggera pressione.

Se la piastrella è di materiale più duro, come marmo o granito, occorrerà un tagliapiastrelle elettrico a disco diamantato. Questo modello, leggermente più costoso del tipo manuale, risulterà particolarmente indicato anche a coloro che devono svolgere abitualmente il taglio di mattonelle, come piastrellisti e muratori.

Il tagliapiastrelle elettrico a disco diamantato può essere ad acqua oppure a secco. La scelta di un modello ad acqua limiterà notevolmente la produzione di polvere durante la fase di taglio.

Le caratteristiche principali che ogni tagliapiastrelle deve possedere sono le dimensioni ridotte e la leggerezza per consentire un facile spostamento, la struttura realizzata in materiali particolarmente resistenti, la semplicità di utilizzo, la possibilità di effettuare tagli in qualsiasi punto della mattonella ed in diagonale, e il buono stato di conservazione della lama.

Non dimenticate infine di accertarvi che i pezzi di ricambio del modello che intendete acquistare siano sempre facilmente reperibili sul mercato, per evitare di trovarvi un attrezzo inutile perché, ad esempio, non riuscite a reperire la lama deteriorata nel tempo.

 

1 Star2 Stars (No Ratings Yet)
Loading...